Tu sei qui

Attività internazionali

Siamo leader in Italia e protagonisti all’estero dove esportiamo esperienza, tecnologia e innovazione.

Forti di una lunga storia d’impresa e di conoscenze e competenze acquisite su un territorio geologicamente complesso come quello italiano, ci proponiamo alla comunità internazionale come consulenti e partner privilegiati per la pianificazione, progettazione, manutenzione e supervisione della rete stradale e autostradale.

 

A partire dal 2005 ci siamo affacciati sui mercati internazionali dapprima svolgendo un ruolo istituzionale di supporto a ministeri ed istituzioni omologhe ed in seguito proponendoci come partner. L’avvio delle attività internazionali è stato caratterizzato dall’acquisizione di importati commesse: per gestire queste attività abbiamo costituito, nel 2012, Anas International Enterprise spa che detiene un portafoglio di contratti in diversi paesi del mondo.

Ne è un esempio il contratto quadro firmato nel luglio 2016 con il governo iraniano, che affida a AIE la costruzione e la gestione di 1.200 km di autostrade in Iran, lungo il corridoio nord-sud del paese, per un investimento complessivo di 3,6 miliardi di euro.

 

Più in dettaglio, forniamo assistenza tecnica a enti e società, principalmente sui seguenti temi:

  • servizi integrati: servizi d’ingegneria, economico-finanziari, amministrativi e legali, da acquisire principalmente attraverso la partecipazione a gare internazionali;
  • progetti di ricerca: attività di ricerca e sperimentazione a livello internazionale partecipando a programmi finanziati dall’Unione Europea, anche attraverso il coinvolgimento operativo del Centro Sperimentale Stradale di Cesano e dei suoi laboratori;
  • formazione: abbiamo sviluppato una linea di business avente per oggetto l’erogazione di percorsi formativi, relativi alla gestione dei sistemi stradali e autostradali, a Paesi esteri che siano interessati a questo tipo di formazione.

 

La strada è il nostro lavoro e la nostra passione. Per questo ci proponiamo di affiancare non solo i centri universitari e le istituzioni nell’ambito della ricerca e dell’innovazione, ma anche quelle associazioni internazionali di settore che facciano della strada il fulcro della proprio esistenza come l’Associazione mondiale della strada (Aipcr) e la Conferenza europea dei direttori delle strade (Cedr).

 

L’Aipcr nasce a Parigi nel 1909 dopo il primo "Congresso mondiale della strada" tenutosi sempre a Parigi, nel 1908. L'obiettivo dell'Associazione era quello di rappresentare le organizzazioni stradali di tutti i paesi, per favorire il progresso in campo stradale. Il governo italiano ha aderito all'Aipcr nel 1913 e sono oggi 120 i paesi aderenti.

Associazione apolitica senza scopi di lucro, l'associazione mondiale della strada si pone al servizio di tutti i suoi soci per offrire un punto di riferimento importante a livello internazionale per l'analisi e il dibattito nell'ambito del dominio della strada e del trasporto stradale, e in particolare della costruzione delle infrastrutture di trasporto, del loro esercizio, della loro sicurezza e vita utile identificandosi come fonte di ricerca, sviluppo e diffusione delle migliori tecnologie.
Per saperne di più sull’Aipcr, vai al sito della sezione Italia. Per consultare il sito internazionale della World Road Association: www.piarc.org.

 

 

 

 

 

CEDR (Conferenza Europea dei Direttori delle Strade) è il tavolo di lavoro per la collaborazione e la promozione delle iniziative di miglioramento dei sistemi e delle infrastrutture stradali per favorire la realizzazione di una rete di trasporti sostenibile a livello europeo. I membri sono i rappresentanti degli organismi e delle società del settore nel proprio paese. Il loro ruolo è di supportare e esprimere i propri pareri sulle iniziative prese riguardo ai sistemi di trasporto a livello nazionale e internazionale.

La missione del CEDR è:

  • Contribuire allo sviluppo delle reti stradali come parte di un sistema integrato di trasporto sostenibile a livello sociale, economico e ambientale
  • Promuovere un network internazionale di contatti tra i direttori delle strade
  • Fornire una piattaforma di condivisione per affrontare i problemi comuni
  • Condividere i risultati delle intese comuni e dei lavori di ricerca effettuati nei diversi paesi o dagli enti di ricerca cross nazionali coinvolti

Per saperne di più sul Cedr, vai al sito.