Tu sei qui

Anas in Europa: la rete stradale TEN-T

Il nostro spirito è europeo. Anas partecipa attivamente allo sviluppo e funzionamento della rete stradale transeuropea dei trasporti (TEN-T) contribuendo così, in sinergia con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, al raggiungimento degli obiettivi dell’Unione Europea incaricata, già con il Trattato di Maastricht del 1992, di costituire e sviluppare le reti transeuropee nel settore dei trasporti, delle telecomunicazioni e dell'energia per:

  • contribuire allo sviluppo del mercato interno
  • rafforzare la coesione economica e sociale
  • collegare le regioni insulari, prive di sbocchi al mare e periferiche alle regioni centrali dell'Unione
  • rendere il territorio dell'UE più accessibile ai paesi limitrofi

In particolare, i trasporti sono cruciali per l'economia europea: l'Europa per crescere e prosperare ha bisogno di buone connessioni e la politica infrastrutturale dell'UE ha l’obiettivo di consentire di realizzare nei 28 Stati membri una rete europea dei trasporti robusta e capace di promuovere la crescita e la competitività.

 

La rete TEN-T, istituita con Decisione n. 1692/96/CE del 23 luglio 1996 che ne ha fissato i parametri generali ed oggi disciplinata dal Regolamento (UE) n. 1315/2013 dell’11 dicembre 2013, comprende infrastrutture di trasporto e applicazioni telematiche, nonché misure che promuovono la gestione e l’uso di tale infrastruttura e rendono possibili l’istituzione e la gestione di servizi di trasporto efficienti e sostenibili. L’infrastruttura della rete TEN-T è costituita dai sistemi per il trasporto ferroviario, il trasporto sulle vie navigabili interne, il trasporto stradale, il trasporto marittimo, il trasporto aereo e il trasporto multimodale.

La rete TEN-T si qualifica, quindi, come una rete unificata composta da:

  • una rete globale (comprehensive), costituita da tutte le infrastrutture di trasporto esistenti e pianificate della rete transeuropea dei trasporti
  • una rete centrale (core), che comprende quelle parti di rete globale che rivestono la più alta importanza strategica ai fini del conseguimento degli obiettivi per lo sviluppo della rete transeuropea dei trasporti.

Il Regolamento (UE) n. 1315/2013 include le mappe degli Stati membri dell’UE riportando per ciascuno di essi le rispettive reti globali e centrali.

 

La rete stradale italiana TEN-T è definita dalla mappa 8.4 allegata al Regolamento.

Scarica la mappa

La mappa riportata di seguito indica la rete stradale e autostradale Anas e le tratte appartenenti alla rete TEN-T.

Scarica la mappa
 

Una parte della rete TEN-T gestita da Anas rientra, inoltre, nell’allineamento dei Corridoi Transeuropei. Per la realizzazione coordinata della rete centrale, l’UE, infatti, ha istituito nove Corridoi multimodali, tre dei quali includono infrastrutture della rete Anas:

 

  • Corridoio Baltico-Adriatico è uno dei più importanti assi stradali e ferroviari transeuropei che collega il Mar Baltico al Mare Adriatico attraversando zone industrializzate che vanno dalla Polonia meridionale (Slesia superiore) a Vienna e Bratislava, alla Regione delle Alpi orientali e all'Italia settentrionale.

 

  • Corridoio Mediterraneo che collega la Penisola iberica con il confine ungro-ucraino costeggiando il litorale mediterraneo della Spagna e della Francia per poi attraversare le Alpi nell'Italia settentrionale in direzione est, toccando la costa adriatica in Slovenia e Croazia, e proseguire verso l'Ungheria. A parte il fiume Po e qualche altro canale nel Norditalia, il corridoio è essenzialmente stradale e ferroviario.

 

  • Corridoio Scandinavo-Mediterraneo che è un asse nord-sud cruciale per l'economia europea. Attraversando il Mar Baltico dalla Finlandia e dalla Svezia e passando attraverso la Germania, le Alpi e l'Italia, collega i principali centri urbani e porti della Scandinavia e della Germania settentrionale ai centri industrializzati di produzione della Germania meridionale, dell'Austria e del Norditalia e quindi ai porti italiani e della Valletta.